agendadigitale.eu

Una nuova “vigilanza sociale” per un’etica del digitale

Valutazione attuale:  / 0

Il miglioramento della qualità della vita e lo sviluppo economico stimolati dal progresso tecnologico non devono far dimenticare la necessità che etica e bene comune siano al centro di tutte le attività collegate alla Società della Rete, incoraggiando l’assunzione delle responsabilità sociali di tutti gli stakeholder (società civile, imprese, finanza, istituzioni), la gestione di persone e risorse finalizzata a migliorare la qualità della vita, e politiche atte a proteggere la dignità degli utenti e delle persone influenzate dai sistemi e dalle relative tecnologie.

Gdpr e notifica delle violazioni: tutto ciò che bisogna sapere

Valutazione attuale:  / 0

È incessante l’ondata di osservazioni e commenti al Regolamento Ue 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati, che – a partire dal 25 maggio 2018 – detterà la nuova disciplina in materia di privacy, abrogando la direttiva 95/46/CE.

Cybersecurity italiana a una svolta: ecco perché

Valutazione attuale:  / 0

Se volessimo separare il cyberspace nei due grandi domini, quello civile e quello militare, negli ultimi due anni si è conseguito il massimo dell’attenzione su entrambi: le ormai comprovate influenze che i commando cibernetici russi hanno avuto nelle elezioni Usa testimoniano una cyberwar in atto, combattuta su più fronti. I leak sofferti dalle agenzie di intelligence, testimoniano come la lotta al terrorismo e la cyberwar finiscono sempre per avere dei risvolti negativi nell’ambito civile, con centinaia di vulnerabilità, ed exploit per usarle, trovate e create dalle agenzie governative, che in un modo o nell’altro finiscono per danneggiare cittadini e imprese.

Intelligenza artificiale e salute: il sogno dell’immortalità alla prova del GDPR

Valutazione attuale:  / 0

Lo sviluppo delle tecnologie digitali sta procedendo con una velocità superiore alla capacità degli esseri umani di comprendere non tanto i cambiamenti in atto quanto il futuro che questi fanno intravedere.

Soprattutto è frequente pensare che le tecnologie procedano secondo strade proprie, senza un progetto complessivo di società che le guida.

Si tratta di un modo di vedere il rapporto tra tecnica e progettazione sociale ricorrente nel pensiero umano e sempre smentito dai fatti.

In realtà sviluppo tecnologico e costruzione di nuovi modelli di società hanno sempre proceduto di pari passo, e spesso secondo un pensiero politico e filosofico coerente e dichiarato.

Gdpr, valutare l’impatto sulla protezione dei elementi: focus sul nuovissimo obbligo

Valutazione attuale:  / 0

Il 25 maggio 2018 diventerà applicabile il Regolamento Europeo n° 679/2016 che contiene una serie di importantissime novità in relazione al trattamento dei elementi personali.

Fra la privacy by design e il principio dell’accountability, il diritto all’oblio, la portabilità dei elementi e le valutazioni di adeguatezza delle misure di sicurezza, una particolare attenzione deve essere posta alla valutazione di impatto sulla protezione dei elementi personali, adempimento del tutto nuovo nell’ordinamento giuridico italiano e con cui imprese e pubbliche amministrazioni dovranno necessariamente confrontarsi...

Fonte: Gdpr, valutare l’impatto sulla protezione dei elementi: focus sul nuovissimo obbligo

Pagina 1 di 2